Comunicato Stampa

Se questa è democrazia!

Leini è un comune particolare, chi predicava di democrazia, partecipazione e collaborazione, forse per colpa di qualche virus “locale”, ha cambiato faccia il giorno dopo la vittoria elettorale. Così ci ritroviamo, per l’ennesima volta, ad affrontare un consiglio comunale in cui si tratta l’assestamento di bilancio, uno dei temi più importanti per un comune dal momento che si parla dei denari dell’intera cittadinanza, senza l’invio della documentazione nei tempi necessari per un minimo di preparazione. Da tre anni chiediamo, in ogni forma possibile, l’istituzione della commissione bilancio, commissione che consentirebbe di entrare nel merito delle questioni in un sano confronto democratico. Tutto questo a Leini non è consentito, la maggioranza continua a fuggire di fronte alle richieste di partecipazione e collaborazione, convinta, probabilmente, di essere infallibile e comunque un gradino sopra tutti i leinicesi per volontà divina. Ma chi ha dato maggiore sfoggio della sindrome del marchese del Grillo, durante l’ultima seduta, è stato il presidente del consiglio, che, con un senso di compiaciuta superiorità, decide di dare (o non dare) la parola ai consiglieri a seconda delle simpatie del momento e, in ogni caso, negandola sempre e solo al M5S! Vogliamo rassicurare l’illustrissimo presidente. Conosciamo perfettamente il regolamento del consiglio comunale, peccato sia praticamente inutile a Leini visto che la Sua gestione dell’aula è alquanto “fantasiosa”, a seconda del Suo umore e lontana anni luce da quel comportamento super partes che dovrebbe caratterizzare il Suo ruolo.
I due interventi dei consiglieri previsti dal regolamento del consiglio comunale presuppongono un preventivo confronto, proprio in quelle commissioni a cui la maggioranza è allergica. Democrazia e buon senso vorrebbero, quantomeno, la possibilità di un più ampio dibattito durante la seduta, soprattutto quando i documenti vengono inviati a ridosso del consiglio, ma il nostro “eccellente” presidente, consente tutto ciò a seconda dei giorni, infischiandosene allegramente dell’importanza dell’argomento trattato, preoccupato solo di chiudere il consiglio nel più breve tempo possibile.
Attendiamo le commissioni e la democrazia da tre anni a Leini e non sappiamo se arriveranno nei restanti due del mandato, ma di una cosa siamo certi, i leinicesi hanno ben chiaro il modo con cui la maggioranza ha governato, quanto, così come le opposizioni, non siano stati presi in considerazione o messi a tacere e sapranno darvi la giusta risposta a tempo debito!

Movimento 5 Stelle Leini

Condividi questo articolo!

133total visits,1visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *