COMUNICATO STAMPA – situazione rifiuti.

In questo periodo di feste, di addobbi Natalizi e di attenzione al decoro di ogni abitazione leinicese, è impossibile non avvertire un profondo senso di disagio di fronte al disordine, all’immagine di degrado, di mancanza di pulizia e di mala gestione che deriva dal crescente problema dei rifiuti urbani non raccolti, problema che affligge indistintamente diverse zone del nostro paese e che inizia a scatenare l’insofferenza generale dei leinicesi per un servizio pagato caro prezzo e mal espletato.

Che il Servizio offerto da SETA non fosse all’altezza delle aspettative, lo avevamo già da tempo segnalato all’assessore di competenza, ma, forse complice anche il particolare periodo dell’anno a ridosso delle festività natalizie in cui si consuma di più e si produce più immondizia, mai come ora Leini vive un momento di degrado, soffocata da cumuli di rifiuti che alterano la percezione di benessere che dovremmo vivere in una cittadina come la nostra.

Ci giungono segnalazioni, a mezzo fotografie, di come in diverse zone del Paese le aree ecologiche atte alla raccolta dei rifiuti, siano costantemente sovraccaricate e sporche. I cittadini lamentano mancati passaggi o passaggi insufficienti e scarsa igiene e il risultato è una serie di indecorose immagini che ritraggono rifiuti sparsi al suolo e cassonetti malandati e stracolmi.

Quello dei rifiuti è senza ombra di dubbio uno dei servizi su cui le amministrazioni dovrebbero alzare maggiormente l’attenzione, essendo un servizio che tocca anche la sfera sanitaria, ma a Leini questo non sta accadendo e l’unico controllo che i leinicesi sentono vivo sull’argomento, è quello della tassa da pagare, sempre più onerosa e non priva di sanzioni in caso di ritardi.

Ci chiediamo quando sarà presa in considerazione da questa amministrazione la voce dei propri cittadini. Ci chiediamo quando questa amministrazione deciderà di intervenire inasprendo i controlli su una società che sta operando palesemente in maniere mediocre e sulla quale il Comune dovrebbe esercitare pressione facendo le veci dei propri cittadini e garantendo loro un ambiente sano, decoroso e pulito, il giusto controvalore alla contribuzione richiesta a mezzo tassa rifiuti.
Ce lo chiediamo e continuiamo a chiederlo con forza, dando voce al malcontento generale, nella speranza che questo nuovo anno porti, insieme ai nuovi volti della politica leinicese, anche una maggiore attenzione e voglia di collaborazione con le forze di opposizione che costantemente denunciano questioni potenzialmente dannose per la collettività, prima che tali problematiche si trasformino in un vero e proprio problema sociale costringendoci poi a concludere con un frase che fondamentalmente odiamo ma che negli anni siamo stati costretti ad utilizzare più e più volte: “noi ve lo avevamo detto”.

 

Condividi questo articolo!

1157total visits,4visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *